L’Assemblea approva il Bilancio 2010 e il progetto di quotazione in Borsa della Società

Milano, 3 maggio 2011 - L’Assemblea degli Azionisti di SEA S.p.A., riunitasi in data odierna in sede ordinaria e straordinaria, sotto la Presidenza di Giuseppe Bonomi, ha approvato tutti i punti all’ordine del giorno.

In particolare, l’Assemblea degli Azionisti ha deliberato:

1. L’approvazione del Bilancio d’esercizio al 31 dicembre 2010 nei termini proposti dal Consiglio di Amministrazione dello scorso 7 marzo e dei relativi documenti, e ha preso visione del Bilancio consolidato redatto secondo i principi IAS, che evidenzia i seguenti risultati, tutti in miglioramento rispetto all’esercizio 2009.

  • Ricavi consolidati: 633,7 milioni di Euro (+5,7% a perimetro costante rispetto al 2009).
  • Margine operativo lordo consolidato (EBITDA): 151,0 milioni di Euro (+6,8% a perimetro costante rispetto al 2009).
  •  Utile netto: 63,1 milioni di Euro a livello di Gruppo (+14,7%. Al netto dei fattori non ricorrenti tale crescita è dell’82,4% attestandosi il risultato del 2010 a € 43,6 milioni e quello del 2009 a € 23,9 milioni).
  • Traffico passeggeri: 27,0 milioni di passeggeri (+5,3%) di cui Malpensa 18,7 milioni (+7,9%).
  • Trasporto merci: 437,9 mila tonnellate (+26,1%)
  • Indebitamento finanziario netto: 344,7 milioni di Euro, in miglioramento del 4,8% rispetto ai 361,9 milioni di Euro del 2009.

Nel corso dell’Assemblea è stato anche illustrato l’andamento del traffico di Malpensa e Linate nel corso dei primi quattro mesi del 2011. Il traffico evidenzia una crescita dei passeggeri del 10,1% e delle merci del 12,7%, confermando l’attrattività degli scali gestiti da SEA.

2. L’approvazione del progetto di quotazione delle azioni ordinarie di SEA S.p.A. sul Mercato Telematico Azionario (MTA) organizzato e gestito da Borsa Italiana S.p.A., mediante un’Offerta in sottoscrizione di azioni di nuova emissione derivanti da un aumento di capitale sociale, conferendo al Consiglio di Amministrazione i poteri necessari all’esecuzione dell’operazione.

3. L’aumento del capitale sociale a pagamento, scindibile e con esclusione del diritto di opzione ai sensi dell’art. 2441, 5° comma, c.c., a servizio dell’operazione di quotazione in Borsa di SEA S.p.A.. L’Assemblea ha altresì conferito al Consiglio di Amministrazione i poteri per dare esecuzione a detto aumento di capitale anche individuando, nel prosieguo dell’operazione di quotazione, l’esatto numero di azioni da emettere. Le azioni emittende saranno oggetto di un’Offerta Pubblica e di un collocamento rivolto a investitori istituzionali in Italia e all’estero e negli USA ai sensi della Rule 144A. Nell’ambito dell’Offerta Pubblica saranno individuate categorie di soggetti, tra cui i dipendenti, a cui destinare parte dell’aumento di capitale.

 4. La distribuzione straordinaria di riserve disponibili risultanti dal Bilancio al 31 dicembre 2010, per un importo complessivo di 147,4 milioni di Euro da suddividersi fra le 250 milioni di azioni attualmente in circolazione, che avrà luogo nel periodo compreso fra la data di chiusura dell’Offerta Pubblica e l’inizio delle negoziazioni in Borsa del titolo di SEA S.p.A..

5. La destinazione dell’utile di esercizio 2010 di SEA S.p.A. (59,8 milioni di Euro) per 41,8 milioni di Euro a dividendo da suddividersi fra le 250 milioni di azioni attualmente in circolazione, e per il rimanente importo a riserva straordinaria. Il dividendo ordinario sarà posto in pagamento il 16 dicembre 2011 o, se precedente, nel periodo compreso fra la data di chiusura dell’Offerta Pubblica e l’inizio delle negoziazioni in Borsa del titolo di SEA S.p.A..

6. L’adozione di un nuovo testo di Statuto Sociale che sarà efficace dalla data di inizio delle negoziazioni di SEA S.p.A. in Borsa, anche ai fini di adeguamento dello stesso al TUF e ad altre disposizioni vigenti per le società quotate.

7. Il conferimento a Price WaterhouseCoopers S.p.A. (già Revisore legale dei conti di SEA S.p.A. fino all’approvazione del Bilancio d’esercizio al 31 dicembre 2012) di un nuovo incarico di revisione legale dei conti di durata novennale, con efficacia dal momento della presentazione dell’Istanza di Ammissione a quotazione in Borsa della Società.

Il Presidente di SEA, Giuseppe Bonomi ha commentato: “Con l’Assemblea odierna i Soci hanno dato il via formale al progetto di quotazione della Società i cui obiettivi primari, proprio per le caratteristiche stesse dell’operazione, sono quelli di rafforzare ulteriormente