Malpensa inaugura il terzo satellite

Milano, 10 gennaio 2013 - Cresce l’aeroporto di Malpensa. Il nuovo terzo satellite è pronto e verrà inaugurato il 13 gennaio con il Malpensa Party Day che svelerà la bellezza di una struttura moderna, elegante e luminosa pronta ad accogliere nuovi aeromobili e passeggeri.

Con l’apertura del nuovo satellite che ha una superficie complessiva di 35.000 mq, 3.000 dei quali dedicati alle VIP lounges, la capacità del terminal aumenterà del 50%.

Il Terzo Satellite - Esterno

Il satellite porterà Malpensa ad avere 41 pontili mobili (loading bridges) e novità assoluta per gli aeroporti italiani, potrà accogliere contemporaneamente 2 Airbus A380, imbarcando i passeggeri attraverso 3 pontili (uno per il ponte superiore e due per il ponte principale). Di questi, uno collega direttamente la sala VIP della compagnia con l’aeromobile senza dover passare dal gate.

I pontili - terzo satellite

I nuovi loading bridges dispongono di una tecnologia all’avanguardia, che si basa su un meccanismo mobile che permette di regolare l’altezza degli stessi, in modo da poter servire a seconda delle esigenze due diversi piani del satellite massimizzandone la flessibilità d’utilizzo. Una struttura simile è presente solo all’aeroporto JFK di New York.

Con l’entrata in funzione del terzo satellite, tutti i voli extra-Schengen passano alla nuova struttura, mentre al satellite B verranno operati sia i voli dell’area Schengen sia quelli extra-Schengen. Al satellite A restano i voli Schengen.

Per i rivestimenti esterni della nuova struttura sono stati usati zinco-titanio, GRC (Calcestruzzo con fibra di vetro) e acciaio porcellanato. Le pareti interne in acciaio borchiato e vetro, sono modulari per una migliore gestione del loro utilizzo (pubblicità, informativa al pubblico, ecc.). L’area ampliata presenta isole di banchi check-in di nuova concezione realizzati con pannelli in acciaio borchiato e una copertura a struttura curvilinea, i pavimenti del salone sono in marmo.

Il progetto architettonico sia degli interni che degli esterni è stato realizzato da Gregorio Caccia Dominioni. Il progetto esecutivo è stato realizzato direttamente da SEA col Consorzio Malpensa Construction.

I lavori del nuovo satellite sono iniziati nel 2009, tutta la struttura del terzo terzo sarà operativa per il 2015 con una superficie complessiva pari a 120.000 mq, che porterà il Terminal 1 a servire un traffico fino a 30 milioni passeggeri.
L’investimento complessivo per il completamento del terminal 1 ammonta a circa 300 milioni di euro.

Alcuni dati relativi alle quantità di materiali usati per il nuovo Satellite:

  • 2000 tonn. di acciaio per le strutture
  • 1000 tonn. di marmo (granito Montorfano, Serizzo, Nero d’Africa) per i pavimenti (2 ettari)
  • 10.000 m2 di zinco titanio per le coperture
  • 5.000 m2 di vetrate fonoassorbenti (spessore 4 centimetri).