Rifiuti

Le attività di pertinenza SEA consistono nella gestione del ciclo legato allo smaltimento dei rifiuti, dalla raccolta fino al conferimento in discarica

I rifiuti prodotti nell’ambito delle attività aeroportuali sono per la maggior parte rapportabili a quelli prodotti in ambito urbano e si suddividono in:

  • rifiuti solidi urbani: generati dalle attività di pulizia nelle aerostazioni e negli edifici ausiliari. Sono compresi in questa categoria anche i rifiuti provenienti dall’attività di pulizia degli aeromobili;
  • rifiuti speciali, pericolosi e non: derivanti dall’attività aeroportuale, sono, dove tecnicamente possibile, dedicati alle filiere di recupero;
  • rifiuti di origine alimentare: costituiti dai residui dei pasti consumati dai passeggeri a bordo degli aeromobili. Vengono gestiti, e successivamente smaltiti, direttamente dalle società di catering e non vengono trattati dal gestore aeroportuale.

La produzione complessiva di rifiuti a Linate per il 2016 è stata pari a 2.668 tonnellate - registrando un aumento del 1,1% - mentre sullo scalo di Malpensa la produzione complessiva è stata pari a 5.567 tonnellate, con una diminuzione dello 0,8% rispetto al 2015.

Linate -Rifiuti prodotti per tipologia

Malpensa- Rifiuti prodotti per tipologia



La raccolta differenziata

Nel corso del 2016 il Gruppo SEA ha confermato il proprio impegno nella raccolta differenziata sugli scali di Linate e Malpensa, che risulta pari al 53,6% per Linate e al 31,2% per Malpensa, considerando anche la raccolta differenziata dei rifiuti speciali. A Linate si registra un aumento rispetto all’anno precedente, mentre Malpensa ha fatto segnare una leggera diminuzione.

Tutti i rifiuti speciali prodotti che non è possibile conferire ai comuni sono gestiti in modo differenziato per tipologia, con specifici contratti con terzi.

Per mitigare ulteriormente l’impatto ambientale, il Gruppo SEA ha strutturato e sta svolgendo una serie di progetti in una logica di evoluzione della raccolta differenziata.

  • il progressivo miglioramento della qualità merceologica dei rifiuti (riduzione della impurezza delle diverse frazioni raccolte);
  • il miglioramento della qualità della raccolta negli spazi aperti al pubblico, per la cui riuscita si prevede il mantenimento di un’azione finalizzata all’incremento della consapevolezza del passeggero;
  • la promozione di strategie rivolte al miglioramento e alla valorizzazione dei rifiuti provenienti dalla “pulizia” interna degli aeromobili.

Raccolta differenziata