Sostenibilità Economico-Competitiva

La strategia del Gruppo SEA viene attuata attraverso la suddivisione delle proprie attività in business unit, ciascuna caratterizzata da competenze e processi operativi specifici, in maniera da massimizzare l’efficienza gestionale del Gruppo.

Offerta di trasporto aereo

L’area urbana di Milano è al 9° posto europeo per livello complessivo di offerta di trasporto aereo, con 37,4 milioni di ASK - Available Seat Kilometer offerti annualmente (ASK è l’indicatore corrispondente al totale dei posti offerti per ogni volo moltiplicato per il numero dei chilometri volati: una misura della capacità dello scalo in termini di offerta di trasporto ai passeggeri) e 23,9 milioni di posti (8° posto del ranking europeo) messi a disposizione dell’utenza dal sistema aeroportuale comprendente Malpensa, Linate e Orio al Serio.

Principale aree urbane

L’aeroporto di Malpensa si colloca inoltre al 5° posto del ranking europeo per incidenza di ASK relativi a destinazioni extra-EU sul totale degli ASK offerti. Il 75,3% dell’offerta di trasporto di Malpensa riguarda infatti destinazioni extra-europee. Quello di Malpensa è l’unico aeroporto – insieme a Parigi Orly – ad essere presente nella top 10 di questa graduatoria senza essere un hub. Ciò si spiega in base al fatto che nell’area di Milano lo scalo di Linate assorbe una forte quota di voli intra-UE e anche in considerazione del fatto che Malpensa riesce a garantire una elevata quota di destinazioni di medio-lungo raggio pur in assenza di un network di voli feeder, potendo contare principalmente sulla domanda originante di trasporto aereo per destinazioni intercontinentali.

Ranking aereoporti

Competizione diretta

Analizzando il grado di dipendenza degli aeroporti nei confronti delle compagnie aeree (sintetizzato dall’indice di concentrazione Herfindahl-Hirschman – HHI, che raggiunge un valore pari a 10 mila nel caso in cui l’offerta di un aeroporto sia completamente in mano ad una sola compagnia) emerge come l’aeroporto di Malpensa sia lo scalo europeo di medio-grande dimensione (il secondo in assoluto dopo Venezia) con il più basso livello di dipendenza da un singolo vettore. Ciò a differenza, ad esempio, di grandi aeroporti continentali come Francoforte, dove circa il 54% dell’offerta è in mano a Lufthansa, o di altri scali italiani come Bergamo, dove Ryanair controlla oltre l’80% dell’offerta.

Competizione diretta

La competizione diretta è misurata anche da un diverso indicatore, denominato indice di entropia (H), che viene calcolato (anch’esso in termini di ASK o di posti) come se la quota d’offerta dell’aeroporto fosse equamente suddivisa tra tutte le compagnie presenti. Pertanto valori bassi di questo indice definiscono situazioni in cui l’offerta di traffico di un determinato aeroporto è altamente concentrata. Utilizzando questo indice l’aeroporto di Milano Malpensa risulta quello che in Europa detiene la leadership per quanto riguarda la minor dipendenza da singole compagnie aeree.

Competizione indiretta

La competizione indiretta riguarda la competizione per la cattura del medesimo bacino d’utenza da parte di servizi aerei offerti in aeroporti limitrofi e alternativi.

Principali areoporti europei

Il livello di competizione indiretta è riferita a ciascuna rotta offerta da uno specifico aeroporto per la quale esistano rotte alternative offerte da altri aeroporti vicini a quello considerato o per destinazioni vicine o coincidenti alla rotta in questione. Il concetto di “vicinanza”, relativo sia agli aeroporti di partenza sia a quelli di destinazione, è relativo a localizzazioni entro i 100 km. La competizione indiretta è rilevante anche nell’area lombarda attorno a Milano. Da Malpensa oltre il 93% dell’offerta di rotte con destinazione europea è soggetta alla competizione di altri scali presenti nell’area come Linate e Orio al Serio. L’aeroporto di Malpensa è collocato al terzo posto, dopo gli aeroporti londinesi di Gatwick e Heathrow, per intensità di competizione indiretta.