Covid-19: la gestione di SEA dell'emergenza
Covid-19: la gestione di SEA dell'emergenza

    Soluzioni

    Soluzioni immediate per fronteggiare l’emergenza sanitaria

    Soluzioni immediate per fronteggiare l’emergenza sanitaria

    Gestire al meglio il momento di emergenza

    Dall’inizio dell’emergenza Covid-19, il management di SEA ha costituito un’unità di crisi, che, in base all’evolversi della pandemia, elabora azioni immediate per gestire al meglio il momento di emergenza che stanno vivendo i nostri aeroporti, nonché soluzione concrete per il contenimento dei danni economici. Oltre a questo, SEA ha messo in campo un think tank con il compito di studiare i possibili scenari post-pandemici e riorganizzare di conseguenza le modalità del viaggio in aereo dopo il Covid-19.

    Come sarà volare dopo l’emergenza? Sicuramente la priorità per ogni passeggero sarà quella della sicurezza sanitaria. Già adesso le procedure operative garantiscono il contenimento del contagio attraverso il rispetto del distanziamento dei passeggeri e l’utilizzo di dispositivi dpi. La tecnologia probabilmente giocherà un ruolo fondamentale per aiutare a velocizzare il più possibile tutte le operazioni che precedono il volo, che saranno sicuramente più lunghe e complesse di quelle attuali.

    Il post di LinkedIn dell'Amministratore Delegato (5/4/2020)

    Il post di LinkedIn dell'Amministratore Delegato (15/6/2020)

    Sanificazione quotidiana all'aeroporto di Malpensa

    Sicurezza

    Sicurezza dei dipendenti e dei passeggeri
    Le azioni adottate in SEA per la sicurezza contro il Coronavirus

    Sicurezza sanitaria

    Workplace: forte attenzione alla sicurezza dei dipendenti e dei passeggeri

    Sin da subito SEA ha lavorato per garantire sia ai passeggeri sia ai propri operatori aeroportuali la massima sicurezza.
    I viaggiatori vengono invitati a rispettare la distanza sociale mentre è stata prevista l'attivazione tempestiva dello smart working per tutti i dipendenti amministrativi e al personale operativo sono state distribuite le dotazioni sanitarie per contenere il contagio.

    Inoltre sono state intensificate tutte le attività di pulizia ordinaria dello scalo, nonché l’utilizzo di macchinari e prodotti specifici per una profonda sanificazione delle aree a maggiore affluenza di persone.

    Coronavirus, la sanificazione quotidiana all'aeroporto di Malpensa

    Sanificazione di un aeromobile della Qatar Airways

    Operatività

    Operatività di scalo

    Operatività di scalo

    Milano Malpensa asset strategico del Paese per arrivo di materiale sanitario e per i rimpatri dei connazionali bloccati all'estero

    Il Covid-19 ha trasformato completamente l’operatività degli aeroporti di Milano. Dallo scorso 15 giugno è tornato operativo, dopo tre mesi di chiusura il terminal 1 di Milano Malpensa e ha chiuso il terminal 2, unica infrastruttura aeroportuale della Lombardia che, dal 16 marzo, ha continuato a garantire, in maniera costante, le connessioni per i passeggeri e la circolazione delle merci all’interno del nostro Paese. Ancora non operativo l’aeroporto di Milano Linate. Lo spostamento al terminal 1 si è reso necessario a seguito dell’aumento dei voli offerti dalle compagnie aeree che, a partire dal 3 di giugno, ha portato a registrare una lieve ripresa del traffico, passato dai 3.000 passeggeri della settimana dal 6 al 12 aprile (-99,5%, record storico negativo per il sistema aeroportuale lombardo), ai 22.396 della settimana dal 1 al 7 giugno (-96,9%).

    Merci, farmaci e aiuti sanitari. Nessuna crisi per i voli cargo

    Il post di LinkedIn di SEA Milan Airports (15/6/2020)

    Sky Tg 24, Start, 15 Giugno 2020

     

           

            

              

    Media

    Media

    Media

    Foto e videogallery

             

    Rassegna stampa

    Rassegna

    Download Center